Per il futuro dei media e del cinema in Svizzera

In occasione del Locarno Festival, l’associazione media per tutti lancia savethemedia.ch, un’azione intesa a sensibilizzare il pubblico sull’attuale situazione dei media in Svizzera e sulle conseguenze che un indebolimento del servizio pubblico potrebbe avere sulla cultura e in particolare sul cinema svizzero.

E se improvvisamente gli schermi del nostro paese dovessero spegnersi?

IMG_1137.JPG

A Locarno, media per tutti invita lo spettatore a riflettere su questo possibile scenario e simula l’interruzione delle proiezioni nella sezione Panorama Suisse. L’immagine si interrompe. Il pubblico è al buio, in attesa di un film che non c’è più. È questione di qualche secondo. La causa della perturbazione è subito individuata: qualcuno ha voluto staccare la spina! L’operatore ridà la corrente e il film può finalmente iniziare. 

Ma quale sarà, in futuro, il destino di queste opere? Sopravviveranno all’abolizione pura e semplice del servizio pubblico?

Oggi disponiamo di un’ampia gamma di film documentari, di finzione e d’animazione svizzeri. Sono produzioni che, con le loro specificità, offrono occasioni e spunti di dibattito per lo sviluppo di visioni nuove e originali, essenziali in una società pluralistica come la nostra. La qualità della vita democratica del paese, il rispetto delle minoranze e la coesione nazionale dipendono dal dinamismo delle opinioni e delle conoscenze, e quindi dalla vitalità dell’offerta culturale. Ma in una logica di puro mercato il finanziamento di queste opere sarebbe semplicemente impossible.

Locarno Festival 2017 - Spot